E intanto…”Mamma” mòre!

    

E intanto… “Mamma” mòre!

16/07/1992

 

Un zerpentone fatto de lamiere

p’annà a lo Stadio, artezza Ponte Sisto,

s’era ‘ntasato e sgamo ‘n’infermiere

fòra da ‘n’Ammulanza a pregà Cristo.

Me fà –Ciò ‘na vecchietta che stà male

ma penzo che ‘n ciariva a l’Ospedale!–

 

Essènno de la zona incuriosito

sbircio da dietro verzo la barella,

pochi seconni e poi quasi ‘mpietrito

te svago a ‘n fianco Pina mi sorella.

Dice –Pietrù, ‘na grave malatìa,–

scopre er lenzolo e vedo Mamma mia!

 

Sentii gelamme er zangue ne le vene

penzanno a quanto ‘bbène ce voleva,

stava a morì e patènno mille pene

ner mentre se n’annàva sorideva.

‘Mpregai –Bastardo monno ‘na partita…

      a vòrte è più ‘mportante de ‘na vita!–

 

‘N ze mòve gnente arichiàmo Pina

pé domannàje come stava Mamma,

me fa ‘na smorfia, poi giù a testa china

cercava de anniscònneme quer dramma.

sentii ‘no strillo, forze s’era accorta

che Mamma ‘n c’era più, Mamma era morta!

 

Se ‘na sirena sòna forte forte

e ‘n’Ammulanza core ne la via

quarcuno pò sarvasse da la Morte

come speravo io pé Mamma mia.

Se invece sòna e sòna, dico ar còre

–Nun pò passà, e intanto…Mamma mòre!–

 

Pietro Serra

  

Annunci

Ar “Poveta”!

Immagine   Immagine

 Ar “Poveta”!

16/05/1992

 Poèsse che a ‘sto monno ‘n c’è nisuno

che penza pé ‘n’istante a quer Poveta?

Eppuro lui de verzi sarvognuno

n’ha dedicati ‘n zacco a ‘sto Pianeta.

Se dice ch’è de fede e ce n’ha tanta

che penzo sia protetto da ‘na Santa!

 

Decanta Roma co quer zuo dialetto

come si ce l’avésse drento ar còre,

e spera che chiunque avesse letto

l’ariconosca in rima co l’amore.

Porta ‘na chioma de colore argento,

stà sui Settanta e è cormo de talento!

 

Quanno commosso scrive de la Madre

je càscheno dù lacrime sur fòjo,

strufina l’occhi e passa a dì der Padre

che l’ha tirato sù co ‘n granne orgòjo,

‘nvece a la moje Lisa co amore

je mànna verzi che je dètta er còre!

 

Ho decramato quello che arispècchia

ar nome de ‘n Poveta che cià èstro

mo nun ciài dubbi è “Angelo Nardecchia”

colui che lòdo come un gran Maestro.

A me ‘nzegnò la “Povesìa” vera

quanno ‘n zapevo manco sicched’era!

 

Pietro Serra

“Diciotto anni”!

Immagine                                                                                      

       A mia nipote “Rachele”!

  D  i quella ormai fuggita fanciullezza,

 I  n versi, vorrei dir “Rachele” cara

       C  he in te non è mutata la bellezza

       I  mpressa e definita unica e rara.

            O  vunque ci sia garbo sei presente  

               T  raendo inoltre stima fra la gente.   

             T  u come effigie di una Dea scolpita

       O  nore fai a chiunque ti declama,

dori quanto è bello della vita

        on certo meno di chi più ti brama.

el tuo gioir attendi ch’io ti osanni

 I  mmortalando i tuoi “Diciotto anni”!   

    Nonno  Pietro

A ‘n Fabbro de ‘na vòrta!

 

   

A ‘n fabbro de ‘na vòrta!

 Ar giorno d’oggi avecce ‘na casetta

 pare d’èsse er padrone de ‘sto monno,

 una cucina, ‘n bagno e ‘na stanzetta

 co fòra un barconcino mezzo tonno.

 C’è poca luce è vero ma ‘n’amico

me ce vò fà ‘na porta a stile antico!

 

  Drento de ‘sta casetta me ce incanto

 forze perché l’ho fatta cor zudore,

 ciò messo ‘n quadro che ce tengo tanto

è la Madonna der Divino Amore.

 Ar caso che quarcosa me và storta

 la vado a pregà dietro a la porta!

 

  Più de ‘na porta pare ch’è ‘n cancello

fatta in fero battuto co vetrate,

 st’amico che fà er fabbro cià ‘n cervello

 da inventà le cose più impenzate.

 Se fa chiamà “Caino” ma cià ‘n còre

che puro si nù è ricco è ‘n gran zignore!

 

 Caino caro, io pé aripagàtte

 lo posso fà sortanto co l’affetto,

 perché lo sai, vennènno le cravatte

li piedi nun me sòrteno dar letto,

 perciò te pago a rima da Poveta:

–Caì, sé er mejo fabbro der Pianeta!–

 

  Quanno me fermo avanti a l’inferiata

 de ‘n carcere, ‘na villa o un manicommio,

 me fisso a rimirà quell’arte amata

 dicènno –Puro ar “fabbro” va ‘n’encòmmio.–

 Pò annànno a casa e oprènno quela porta

  ripenzo a ‘n fabbro, “A ‘n fabbro de ‘na vòrta”!

 Pietro Serra 

‘Na gita in commitiva!

             

  ‘Na gita in commitiva!

1992

 De gite noi n’avemo fatte tante

e se Dio vòle ne faremo ancora,

però ricordo la più massacrante

fu quella pé Pariggi e dé bon’ora:

partenza a le quattro e trentatré,

arivo, tutti quanti (sderené)

 

Quanno che co quer purma sostavamo

come certe ciriòle inturcinate

prima de camminà se dovevamo

sgranchì le gàmme mezze atrofizzate,

chi pé fumasse quarche sigheretta

o chi pé annà de corza a la toletta!

 

No, nun ze lamentamo è stato bello,

annàssimo a vedé la granne Tore,

poi su la Senna a notte sur battello

dovemio dì –Pariggi, è ‘n vero amore.–

Sotto la Tore Eife ‘lluminata

‘sta Commitiva ce s’era ‘ncantata!

 

Er giorno doppo invece semo annàti

a Luvre a Notre Dame e ar Mule Rugge,

rientranno ne l’arbergo sderenati

dicemio –A noi ‘sta gita ce distrugge.–

A la matina appresso ai Re Luviggi

e a li Castelli, fòra da Pariggi!

 

A l’indomani ‘n’artra faticata,

a l’Eurodisney come regazzini

ce divertimio tutta la giornata

 spennénno puro l’urtimi quatrini.

Magnàssimo a Macònne e fu perfetto

ma ‘n vedevamo l’ora d’annà ar letto!

 

Si ‘sto ricordo chiuso drento ar còre

se lo portamo appresso pé ‘na vita,

 è doveroso ringrazzià er Zignore

che cià protetto ‘n tutta quela gita.

E se pò dì –Pariggi è ‘na gran stella

ma Roma fra le stelle… è la più bella!–

 Pietro Serra

Er “Giardino d’Europa”!

  

Er “Giardino d’Europa”!

 Da ‘n zacco d’anni sopra de ‘sto monno

 se dice che l’Itaja è ‘n ber giardino,

 ma mo svagànno che va a capotonno

 te viè da dì ch’è solo ‘n gran casìno.

 Se semo impecettati de vergogna

 che invece de ‘n giardino mo è ‘na fogna!

 

  Quanno ‘n Poveta scrive certe cose

 vòrdì che è stracormo de veleno

 e a ‘ste notizzie zozze e ‘nzinuose

 vorebbe che je se tirasse un freno.

 Così se sfoga, prènne penna e fojo

 pé fà capì a quarcuno che è l’orgòjo!

 

  Si è corpa nostra senza arcuna offesa

 battémese ‘na mano forte in petto,

 poi tutti ‘nzieme co ‘na nòva intesa

 cercamo de riavé ‘n vecchio rispetto.

 Incuminciamo a riparà ‘sti guai

 puro si er peggio nun è morto mai!

 

   Doppo de ‘n pò de tempo ‘sta Nazzione

 riassumijànno a ‘n’immenzo prato,

 sarà convinta che nun è illusione

 essènno grata ar zacrificio dato.

 Così noi je diremo –Itaja amata

 “Giardino d’Europa” sei tornata!–

   Pietro Serra

…e me le chiameno vacanze! (1-2-3)

     

…e me le chiàmeno vacanze!

 

(Prima parte)

Arturo ‘n c’è da dillo, è ‘n’amicone

che vò da Roma senza titubbanza

annà pé Feragosto su a Riccione

a fasse ‘n par de giorni de vacanza.

Co lui ce sò la moje Teodora

e li dù fiji Pierino e Aurora!

 

–A regazzì e annàmo– dice Arturo,

li fiji je fanno –Stamo a vestì Mamma–

(centotrentòtto chili) e stà sicuro

che si la làssi a casa schioppa er dramma,

–Sbrigateve però, ve serve ajuto?–

–No nun ce serve, famo in un un minuto!–

 

La Furvia è pronta, stà pé mette in moto

quanno Teodora dice ar fijo Pierino

–Porta la machinetta pé le foto

che te ne fò quarcuna co Papino.–

–Quale Papino a Mà– je fà de bòtto,

–ciò trentunànni e mo m’avete rotto!–

 

Arturo nun abbòzza,  fa –Vergogna,

speriamo che se sfascia ‘sto motore,

perché er più pulito cià la rogna

e ve lo vòjo dì propio de còre.

 ‘Gni vòrta che se vòle annà ‘n vacanza

ce fate ‘na traggedia o ‘na romanza!–

 

Annàmo bene, pé sortì a Orte,

ce sò sette chilometri de coda,

e co quer zole che già picchia forte

je tocca de sfilà come a la moda.

Un pajo d’ore pé pagà er petaggio

e Arturo ariparte co coraggio!

 

(Seconda parte)

 Quaranta gradi fa la colonnina,

l’impianto d’aria fredda je s’è rotto,

Arturo stà a pregà ‘na Madonnina

 che cià anniscosta sotto der cruscòtto

 e inortre, a ‘sta giornata scarognata,

je bolle er radiatore e addio testata!

 

Teodora sbianca, se stà a sentì male,

Arturo s’accantona co pazzienza,

però nun è finita, la “Stradale”

lo mànna a la piazzola d’emergenza.

Pierino va a la guida sghignazzanno

  mentre che er padre spigne rosicanno!

 

Ariva l’ACI doppo ‘na mezzora

co ‘n’artra machina in zostituzzione,

‘na vecchia Cinquecento e lì Aurora

je fa –Io, nun pretènno un machinone

ma qui Mamma mia bella ‘n do la metto,

armeno a ‘n’Ape, c’era er cassonetto!–

 

Arturo è fòr de se –Me sò stufato,

se mozzico a quarcuno l’avveleno,

mi moje sòffre d’asma e senza fiato

mo s’arimpiagne che nù ha preso er treno.–

Lì l’ACI se commove, poi l’aggancia

e te li porta a ‘n’officina Lancia!

 

Doppo tre orette era tutto pronto,

la Furvia in moto stava ‘n posizzione,

er Principale fà, portànno er conto

–IVA compresa  fa mezzo mijone,

j’ho fatto puro er pieno de benzina

che mo è come ‘na (berva) ‘sta Berlina!–

 

(Terza parte)

Arturo stà sortènno e un gatto nero

se piazza propio avanti a la vettura,

Pierino dice –Porta jella, è vero

ammàzzelo Papà che ciò pavura.–

Er padre intanto pé vedé la mappa

tampona ‘na Ferari e er gatto scappa!

 

Scegne ‘n zignore e fà –Ma che ‘n ce vedi?–

 –Come ‘n ce vedo t’ho beccato in pieno,

però ‘n t’ho fatto gnente e si ‘n ce credi

vièllo a vedé, m’è scivolato er freno.–

–Vabbè vabbè, sei un zimpaticone,

mo te saluto devo annà a Riccione!–

 

–Aspetta, puro io vado a Riccione

nun zò la strada famme ‘sto piacere

anzi si sei de zona a l’occasione

‘ndirìzzece da quarche taverniere,

stamo co ‘n caffellàtte e ‘na ciammèlla

e inortre, ce perzeguita la jella!–

 

Drento de ‘n’arberghetto ch’è già scuro,

se beveno ‘na cosa dissetante,

 poi le valigge se le incolla Arturo

e doppo ‘n pò riscegne ar ristorante.

Je fa a la moje –Và a magnà in portrona

ché ce lo sai, la sedia nun t’è ‘bbòna!–

 

Er primo giorno ormai è bell’e ito,

quarcuno troppo stanco nù ha magnato,

Pierino co Aurora hanno finito

e vanno a fàsse un ballo scatenato.

Teodora dorme, Arturo va a le stanze

dicènno –…e me le chiàmeno vacanze!–

Pietro Serra 

 

Voci precedenti più vecchie